WHAT’S NEXT: DANIELE DI BONAVENTURA BAND’UNION, 7 dicembre, ft. VINI CORSARI

locandina nuova-01

++++++++++++++++++++++++++++++++++

DANIELE DI BONAVENTURA BAND’ UNION

In apertura: Edoardo Vogrig DjSet

++++++++++++++++++++++++++++++++++

biglietto concerto: € 15, incluso calice di vino

cena: € 40 (menù, 3 calici e concerto), su prenotazione

pacchetti Barolo Jazz Club + Vini Corsari + WiMu: vedi locandina sopra

info e prenotazioni: barolojazz@gmail.com, 340 3017467

Daniele_Di_Bonaventura_4

Daniele Di Bonaventura_bandoneòn

Marcello Peghin_chitarra 10 corde

Felice Del Gaudio_contrabbasso

Alfredo Laviano_percussioni

Nato a Fermo nelle Marche, Daniele DiBonaventura, compositore e arran-giatore, pianista e bandoneonista, ha coltivato sin dall’inizio della sua attività un forte interesse per la musica improvvisata, pur avendo una formazione musicale di estrazione classica (diploma in Composizione) iniziata a soli 8 anni con lo studio del pianoforte, del violoncello, della composizione e della direzione d’orchestra.

Le sue collaborazioni spaziano dalla musica classica a quella contemporanea, dal jazz al tango, dalla musica etnica alla world music, con incursioni nel mondo del teatro, del cinema e della danza.

Ha suonato nei principali festival italiani ed internazionali.

Ha pubblicato più di 30 dischi; le ultime collaborazioni sono quelle con Miroslav Vitous, il quale lo ha chiamato a partecipare nell’ultimo cd intitolato Universal Syncopation II, pubblicato dalla prestigiosa etichetta tedesca ECM. Sempre per la stessa ECM ha pubblicato l’ultimo lavoro intitolato “Mistico Mediterraneo”, un’opera condivisa con il gruppo vocale della Corsica A Filetta e Paolo Fresu.

Il progetto Band’Uniòn è nato  attorno alla necessità di proporre e di rileggere una letteratura musicale più legata alle proprie origini.

E’ attorno al bisogno di musica, alla necessità dell’espressione, che ruota il lavoro della formazione, sia esso jazz, tango, musica contemporanea o libera improvvisazione.

La Band’Uniòn, originale per l’accostamento degli strumenti intenso e rigoroso, cattura fin dal primo ascolto, passando dal lirismo limpido ed essenziale  alle aggressive sonorità, dalle soffuse e struggenti melodie latine ai tappeti sonori di semplice purezza.

Un quartetto che, pur nel suo essere una proposta di confine, all’incrocio tra etno e jazz, tra tango e improvvisazione,  “arriva” e comunica emozione, lontano da ogni arido manierismo e intellettualistico sperimentalismo.

Oggi, dopo otto anni dalla prima pubblicazione con “Canto alla Terra”, il gruppo presenta il nuovo ed atteso doppio album “Nadir” che è stato pubblicato per la nuova etichetta discografica Tuk Music di Paolo Fresu.

+++++++++++++++++++++++++++

Il Menù

Fagioli cannellini, tonno e cipolle rosse
Gazpacho di verdure
Insalatina di cavolo verza con olio all’acciugha
Pane burro e acciughe
Patate e baccalà in crosta di focaccia con scarola
Bavarese ai tre cioccolati
Mousse al porto con piccola pasticceria

Di Matteo Morra Chef

Per info e prenotazioni: barolojazz@ gmail.com, +39 340 3017467

+++++++++++++++++++++++++++

   

Advertisements

Comments are closed.